no menu items
no menu items
Strategia-e-risultati-grano-1310642637

La strategiae i risultati

Il Piano di Sviluppo Sostenibile 2030

Il Piano di Sviluppo Sostenibile 2030 esprime l’impegno e la progettualità dell’Azienda nei confronti dei temi materiali e delle sfide della sostenibilità. La strategia si fonda su 5 priorità: contribuire alla mitigazione del cambiamento climatico, promuovere un’economia circolare, valorizzare e preservare il capitale umano, sviluppare la sostenibilità lungo l’intera catena del valore e mantenere una governance etica e trasparente.

Il Piano di Sviluppo Sostenibile 2030 si raccorda con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite e i principi del programma OUR BRIGHT IMPACT.

All’interno dei 5 pilastri, abbiamo individuato 10 traguardi declinati in 18 obiettivi da raggiungere entro il 2030. I progressi rispetto agli obiettivi vengono attentamente verificati attraverso un sistema digitale e integrato di monitoraggio delle performance.

5
Pilastri
10
Traguardi
18
Obiettivi
Ambiente_DESK-669f9e46119af
People_DESK
Governance_DESK-669f8827b8267
sostenibilita-governance-strategy
La Governancedella Sostenibilità

Il Consiglio di Amministrazione (CdA) è al vertice della struttura di governance della sostenibilità, supportato dal Comitato Controllo, Rischi e Sostenibilità (CCRS). Quest’ultimo coordina la strategia di sviluppo della sostenibilità, fungendo da ponte tra il CdA e le varie funzioni aziendali.

La funzione Quality, Sustainability & Lean Development gestisce gli impatti economici, ambientali e sociali dell’organizzazione, collaborando strettamente con le altre funzioni aziendali. Implementa progetti concreti per tradurre gli obiettivi di sostenibilità in azioni sul campo.

Monitora regolarmente i risultati del programma di sviluppo sostenibile e li comunica al management. In caso di deviazioni dagli obiettivi, vengono attuate azioni correttive per allineare le performance alla strategia di sostenibilità.

Governance-sostenibilita-66a11c3222643
Le Politiche che ci guidano
Il nostro impegno è volto a raggiungere una leadership globale creando valore duraturo per gli stakeholder e contribuendo a un futuro più sostenibile. Le nostre politiche esprimono i principi e il quadro normativo
all’interno del quale Comer Industries conduce gli affari basandosi su principi di etica, integrità, rispetto dei diritti umani e responsabilità verso il pianeta.
ComerIndustries-TEHA

Il Codice Etico

Il Codice Etico e di Condotta si colloca alla base del modello di controllo ed evidenzia i principi ai quali si ispira e uniforma ogni attività aziendale: integrità, trasparenza, rispetto, legalità e riservatezza. Il Codice Etico definisce inoltre per tutti i collaboratori i criteri di condotta da osservare e i comportamenti vietati, con particolare riferimento alle aree di potenziale rischio di incorrere in reato.
supplier day_foto_drone

Il Codice Etico dei Fornitori

Al fine di declinare i principi etici aziendali lungo la catena di fornitura e dare attuazione alla politica d’approvvigionamento sostenibile, che costituisce uno degli obiettivi strategici del Gruppo, Comer Industries ha elaborato e riportato in un manuale il set minimo di requisiti che ogni fornitore di componenti o servizi è chiamato a rispettare per una partnership solida e duratura nel tempo. A tutti i fornitori è richiesto di sottoscrivere il Codice Etico, aderendo ai suoi principi quale parte integrante degli obblighi contrattuali.

Compliance

Regolamento REACH
Comer Industries opera in conformità al Regolamento 1907/2006/CE (REACH) concernente la registrazione, la valutazione, autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche, pertanto effettua un monitoraggio continuo dei propri prodotti con lo scopo di valutare l’applicabilità ed il rispetto di tutte le prescrizioni del Regolamento.
A tal fine, Comer Industries ha provveduto a richiedere a tutti i suoi fornitori dettagliate informazioni in merito alla presenza di sostanze estremamente preoccupanti (SVHC – Substances of Very High Concern) presenti nella Candidate List con concentrazioni superiori alla soglia dello 0,1% in peso sul peso dell’articolo (p/p).
Sulla base delle informazioni ricevute, Comer Industries ha riscontrato in taluni articoli la presenza di PIOMBO (Pb) CAS 7439-92-1 con concentrazione superiore alla soglia dello 0,1% (p/p), in particolare in alcuni componenti metallici quali tappi, ingrassatori, raccordi e bronzine presenti su oggetti complessi appartenenti alle seguenti famiglie di prodotti:
– Scatole ingranaggi
– Riduttori epicicloidali
– Assali
– Alberi cardanici
Di conseguenza Comer Industries, come prescritto dalla Direttiva 2018/851/UE – articoli 9(1)(i) e 9(2) – che modifica la Direttiva 2008/98/CE, ha provveduto alla registrazione nella Banca Dati SCIP degli articoli e degli oggetti complessi contenenti concentrazioni di SVHC presenti in Candidate List al di sopra della soglia dello 0,1% (p/p).
 
Etichettatura ambientale
A seguito dell’entrata in vigore del Decreto Legislativo 3 settembre 2020, n° 116, che recepisce la Direttiva UE 2018/851 e la Direttiva UE 2018/852 relativa agli imballaggi ed ai rifiuti di imballaggio, Comer Industries e Walterscheid, quali utilizzatori di imballaggi unicamente per il trasporto dei propri prodotti, prediligono, in ottemperanza agli obblighi di legge, i canali digitali per comunicare le informazioni relative all’etichettatura ambientale degli imballaggi. A tal proposito si riporta la tabella contenente le informazioni sulla natura dei materiali di imballaggio utilizzati, sulla base della decisione 97/129/CE della Commissione.

no labels

no labels